A Notti i Cirauli

CONVERSIONE DI SAN PAOLO

La notte tra il 24 e il 25 gennaio. Una notte magica. La tradizione che prendo a raccontare non è strettamente religiosa ma affianca ad una ricorrenza cattolica, quale la conversione di San Paolo, un momento “magico”. È opinione comune, non solo castelbuonese, che chiunque nasca in questa data o meglio in questa Santa Notte, avrà il potere eccellentissimo di prendere e maneggiare i serpenti senza esserne morso e potrà guarire chi da questi animali è ferito. La tradizione,prendendo spunto dal brano degli Atti degli Apostoli (Atti 28, 3-6) ,  vuole che sia stato proprio il Santo il primo Ciraulu poichè  San Paolo restò immune dal morso di una vipera.

 Ai nati in questa notte va controllato subito il sottolingua se presenterà una “vinuzza a musca” (una vena a mosca) essi saranno perfetti cirauli in caso contrario avranno comunque con queste bestie un rapporto confidenziale e potranno servirsene. Molti i racconti popolari su i cirauli che raccontano episodi di animali dolcemente ammanziti alla voce del ciraulo.

Al Ciraulo si ricorreva in passato in mille occasioni soprattutto perché pregasse San Paolo liberando dai morsi di questo o quell’animale. Preghiera a San Paolo che ho raccolto è la seguente “ San Paulu maccia d’addauru spina pungenti un muzzicari a mia e mancu a li genti!addauru miettu addauru levu muzzicuni ‘nfirnali lassa l’addevu”  che riscontriamo anche nel territorio di Palazzolo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: