u monacu di cerca e a cuntissa

IN SICILIANO:

si cunta ca na vota c’era un munacheddu i cerca ca cirnia tutti i strati du paisi, tuppi tuppiddu ” cu è drocu?” “sugnu u munacheddu di cerca ca vi veni a spia a limosina pu cummentu!”. u munachedu sapia u iournu ca si facia u pani o casteddu e dunca iava sempri a tuppiliari ” cu è drocu?” “sugnu u munacheddu di cerca ca vi veni a spia a limosina pu cummentu!”. A cuntissa, ca era di cori nicu, si siddiava a darici u pani o munacheddu ma siccomu chiddu ‘nsistia pi cocchi misata ciù detti. pua un beddu iornu si la pinzavi e dissi ” ca ora ci mettu tanticchia di vilenu e finisci a camurria”.  u munacheddu i cerca, quannu vinni u iornu du pani ivi o casteddu e tuppuliavi ” cu è drocu?” “sugnu u munacheddu di cerca ca vi veni a spia a limosina pu cummentu!” e a cuntissa ci detti u pani cu vilenu! u munacheddu sinn’acchianavu o cunventu di Sant’Uiermu e misi u pani ‘nto stipu vacanti. a sira stissa vinni na gran timpesta cu trona e lampi a lumi di iornu! u figghiu da cuntissa era  ‘nto vuoscu a caccia e vidennu u malattempu sinn’ivi o cunventu. u munacheddu vidennulu arrivari ivi a nesciri u pani c’ava sarvatu pi farlu manciari…giustu giustu chiddu di so matri! u picciutteddu su manciavi e murivi! oh chi granni duluri ch’eppi a principissa ‘nto cori quannu seppi ca ‘nveci di moriri u monacu ava ammazzatu a so figghiu!

TRADUZIONE:

Si dice di un monaco di cerca che raccoglieva per tutte le strade  del paese bussa e ribussa ” chi è?” “sono il monaco di cerca che chiede l’elemosina per il convento” . Egli  sapeva  il giorno in cui si panificava al castello così vi si recava a chiederlo” chi è?” “sono il monaco di cerca che chiede l’elemosina per il convento” . La contessa, avara, non era molto contenta di dare il pane al monaco ma vista l’insistenza glielo diede per alcuni mesi. poi un bel giorno ci ripensò  e disse ” ora qui ci metto un pò di veleno e la facciamo finita”. venne il giorno della panificazione e il monaco arrivò  al castello” chi è?” “sono il monaco di cerca che chiede l’elemosina per il convento”. il monaco se ne salì all’eremo di San Guglielmo e mise il pane avvelenato parva credenza. Quella sera stessa si scatenò una grande tempesta con tuoni e fulmini che inondavano tutto di luce. Il figlio della contessa che era a caccia nel bosco, visto il brutto tempo, si rifugiò nel convento. Il monaco vedendolo arrivare andò gli apperecchio il pane per farlo mangiare…giustappunto quello che aveva ricevuto da sua madre! il giovane  lo mangiò e  morì. grande fu il dolore della principessa quando seppe di aver ucciso suo figlio e non il monaco.

Responses

  1. Mi ricorda tanto una buona signora che era solita ammaestrarmi piu’ volte con questa storia quando (spesso) facevo anch’io come…..la contessa.La morale finale era questa:chi fa del male lo fa solo a se stesso….cu fa’ fa ‘ pir iddu ripeteva.Quanto e’ vero col senno di poi…..

    P.S. Non ho mai avvelenato nessuno con nessuna pagnotta hihihihi
    Sono un’anima santa io!!!!!:)))


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: