Modi di dire

Abbenè : meglio di niente

aviri l’argi comu un jattu i cunvientu: (letterale: avere le gote come un gatto di convento) essere in forma, essere grassottello

aviri u cucciddu a littra: aver studiato

aviri u cucciddu a camula : essere fastidioso

aviri a facciazza di catagiruni:

aviri a testa cavira : essere litigioso

aviri i iammi a que que: non saper camminare

aviri a facciazza di cantaranu anticu (avere la faccia come un mobile antico): avere una faccia tosta

aviri u cori quantu na nucidda (avere il cuore quanto una nocciolina): essere senza cuore; essere spaventato

aviri a facci di maruni crudu: (letterale: avere la faccia come un mattone crudo): essere pallido

aviri l’uocchi a pampinedda :(avere gli occhi a fogliolina): avere sonno

aviri l’uocchi a piruni : (avere gli occhi come due susine): avere gli occhi gonfi per non aver dormito

ci ni ficiri quantu a Curcurù (lo hanno torturato in vari modi come a Curcurù): lo  hanno infastidito ripetutamente

cogghiri acqua dintra u panaru (raccogliere l’acqua nel paniere): fare cose assurde e prive di senso

e chi sta iennu a paari i tassi? (sta andando a pagare le tasse?): di persona che procede con flemma

e chi sta purtannu a zita a puoddina? (sta portando la fidanzata a Pollina?) : di persona che procede con flemma

enutili ca arrizzi e fa cannola ca u santu è di marmu e un sura (è inutile che ti fai bella che il santo è di marmo e non suda): è una impresa impossibile

essiri comu u dui di coppi na Briscula : (letterale: essere come il due di coppe nel gioco della briscola) non servire a nulla

essiri licca comu a jatta u su Paulu : (letterale: essere golosa come la gatta del signor Paolo) essere molto ghiotti.

essiri na camula: essere fastidiosi

essiri comi a musca cavaddrina : essere fastidiosi

essiri na tarentula ca un pigghia frummentu (letterale: essere un forcone che non prende il frumento): non potere avere figli

essiri comi a zita i puoddina (essere come la fidanzata di Pollina): essere tutta imbellettata

essiri comi na virrinia : essere insistente

essiri comi un dui i vastuni

essiri petra ca un pigghia lippu: non riuscire a concludere nulla in nessun posto

essiri no mienzu e moriri i friddu (essere in mezzo e morire di freddo): essere immischiato tra due litiganti per cui non si può parteggiare

fari trentatrì( fare trentatre): rubare

fari moriri cu fietu u carvuni (far morire con la puzza del carbone): non dare altre soddisfazioni

fari trasiri u sceccu pa cura (fare entrare l’asino per la coda): fare le cose forzatamente

finivi comi a festa a Santuzza – si vippiru u vinu e arruzzulari i vuttazza e comi occadunu era chinu azziccaru a festa e u vinu- ( è finita come per la festa della Santuzza – si sono bevuti il vino e hanno ruzzolato giù le botti e poichè qualche botte era ancora piena hanno rovinato festa e vino): per dire che non vi è stato lieto fine

ittari viliini (buttare veleno): essere pungenti, cattivi, velenosi, nel parlare.

ittarisi o cadiri comu un saccu i patati (buttarsi o cadere come un sacco di patate): cadere

iri a ligna senza corda (andare a far la legna senza la corda): non concludere nulla

iri a vignignari senza cufinu (andare a vendemmiare senza recipiente): non concludere nulla

iunciri a tavula ca bancata: fare un lavoro inutile

ma chinicchienacchi? : che c’entra

mi ni successiri quantu a Za Cicca: (me ne sono successe quanto alla signora Francesca) ho avuto un sacco di intoppi

mi sbattissi a testa e mura mura \ o muru (sbatterei la testa  al muro): sono disperato o furibondo

munnizza c’è (c’è immondizia): si diceva per interrompere i discorsi da non fare difronte a dei bambini.

parrari quantu un judici poviru (parlare quanto un giudice povero): parlare molto

pigghiari i cimi di l’aria : arrabbiarsi

pigghiarisi di scantu: spaventarsi

pigghiari un muotu : spaventarsi molto -usato come minaccia-

pigghiari na botta di sali: sentirsi male

pigghiari na botta di sangu: avere ripercussioni per un grande spavento

tutti dui misi na na vilanza un sbersanu ( Letterale: tutti e due messi sui due piatti di una bilancia non provocano oscillazioni):  si dice di due persone che hanno eguali caratteristiche positive o soprattutto negative.

senza sordi un sinni canta missa (senza pagare non si canta messa): tutto ha un prezzo

scrusciri comi na nuci nto saccu (far rumore come una noce in un sacco): non contare nulla

si iunceru pani duru e cuteddu ca un taglia (letterale: si sono uniti pane duro e coltello che non taglia): si sono trovati.

si iunceru marruggiu vecchiu e zappa arranciruta ( letterale: si sono uniti manico vecchio e zappa arrugginita): si sono unite due persone inutili

siddi unn’è cotta è cavira (se non è cotta almeno è calda): va bene così

sparari i vuci: gridare

trasici comi a Pilati no credu (entrare nel discorso come Pilato nel credo): messo in una situazione a forza

un’aviri mancu l’occhi pi chianciri (non avere manco gli occhi per piangere): aver perso tutto

un c’abbasta u cori! ( non ci basta il cuore): è una cosa troppo grande da sopportare

Responses

  1. Te ne aggiungo uno a proposito della”botta”

    Pigghiari nna’ botta r’acito (aceto)

    e ancora:
    “Botta ri sali a ccu’ unn’avi falari
    b otta r’acitu a ccu’ unn’avi marito

    Che ne pensi?Possono andare?


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: