Pubblicato da: cuccoangelo | 19 dicembre 2010

Quartu jornu 
Chistu avvisu già in sintiri
di Maria lu spusu amatu,
sti paroli misi a diri,
tuttu quantu infervuratu:
L'ura è tarda chi facemu?
Spusa cara, via, partemu.
Maria Virgini ubbidienti
a cavaddu si mittiu,
lu so cori a Diu offrennu,
dannu gustu a lu so' Diu.
San Giuseppi caminava
e la rietina tirava.
Decimila Serafini
onuraru dd'equipaggiu
a sti Santi pilligrini
ntrà stu poviru viaggiu,
ralligrannu pri la via
a Giuseppi et a Maria.
Foru sempri scanusciuti
di li genti disprizzati
da Diu sulu benvuluti.
e di l’angili onurati.
Nun si curanu di peni
mentri Diu li voli beni.
Mudistedda e rispittusa
viaggiava la Signura.
Quantu è bedda e amurusa
virginedda e matri pura
Ogni cori nnamurava
di cui a casu la guardava.
Ben cumposta nell'esternu
risplinnia lu so' canduri
riflittia ntrà lu so' nternu
di Gesù lu grandi amuri.
E ntrà tuttu lu caminu
jia pinsannu a Diu Bamminu.
Quantu lagrimi d'affettu
di l'ucchiuzzi ci scapparu!
Quanti sciammi ntrà lu pettu,
miditannu s'addumaru
Jia chiancennu ca scupria
ca so figghiu Diu patia
Pri la strata si 'ncuntrava
cu diversi piccatura,
e cu un sguardu ca ci dava
cunvirtiva ddi cori fura
Pri pietà, Maria, viditimi
sugnu malu, cunvirtitimi
A l'afflitti chi vidia
cu pietà li cunsulava.
Pri l'infermi ca scupria
tutt'affettu a Diu prigava.
ia sugnu poviru, o Maria,
pietà ddi l'arma mia


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: