Pubblicato da: cuccoangelo | 28 aprile 2010

La Notte delle catene

questa notte, essendo la notte precedente alla festa della Madonna della catena, era una volta detta delle catene (come anche la notte precendente la festa d’agosto). Infatti al chiarore delle candele era uso delle nonne e delle mamme raccontare e tramandare u cuntu da Matri a catina.

credo non vi sia modo migliore per onorare la tradizione che raccontare a mia volta u cuntu…

Na vota, a Paleremu, c’era na chiesa cu na Madonna ca tutti dicianu da catina picchì taliava a catina ca chiudia u portu. sta chiesa era na chiazza dunni si tinianu li cunnanni a morti. vinni un iornu lu fattu ca du picciutteddi, puri ca eranu nnuccenti, avanu a essiri ammazzati picchi i cridianu tinti e latri!  sta gran chiazza era già china di chistiani! i palermitani avanu scinnutu d’ogni banna e c’eranu genti nzinu supra i campanara pi vidiri mpenniri e frocchi sti mischineddi. Modda modda modda na prucissioni di parrini, papai, nobili e ransignuri vinia d’una stratuzza ca c’è na sta chiazza e purtava appressu dri du mischineddi attaccati mani e peri ca un si putianu ruminari! oh Bedda Matri chi pena facianu! parianu du Ecciomi a comi eranu cumminati! nenti…quannu fuoru ‘ncapu u parcu ch’era cunsatu cu i frocchi, misi u cielu a timpistiari cu trona e lampi di fari spaventu! lestu lestu i signuri, parrina e papai misiri arripararisi sutta i finisciuna e i chistiani scapularu! a timpesta un vulia carmari e i du picciutteddi fuoru ‘nchiusi dintra a chisuzza da Matri a Catina. a uardia pinzava ‘nfatti…”a Matri a Catina l’attacca Idda chiù megghiu!”. ma un sa pinzava bona su uardianu fausu! fattu sta ca i uardii misiru ad aspittari e a vigilari, duoppu ca attaccari i du mischineddi all’artari.  ddi puvireddi ca attinnianu a morti passaru tutta a notti a priari a Matri Mmaria ca ci cuncidissi la grazia di libiralli e ittaru tanti lacrimi e tantu chiantu ca u cori ciu sciugghieru a Maria! e si sinteru diri ” iti iti ca i catini vi rumpiu! iti ca i uardii su addurmisciuti! iti no ma nomi ca sugnu Maria!” . i du carusi un cridianu a l’occhi! un c’abbastava u cori pi priarisi di sa sorti e ringrazziannu a Madonna sinni ieru lestu lestu.
quannu i surdati s’arruspigghiaru ci fu un parapigghia picchi vittiru i catini rutti e a porta chiusa! comi putia essiri sta cosa ca i catini s’avanu rumputu senza fari rumuri? misiru a circari a tutti banni e attruvaru i du carusi ca cuntaru comu era u fattu! ma un fuoru criduti e i stavanu purtannu a muriri! quannu a vuci ranna i chistiani spiari o re ca issi a taliari i catini pi vidiri si c’era miraculu e u re trasiu na chiesa, vitti i catini, vitti ca era opira di Diu e nisciu ludannu sa gran rigina ca è a Matri da Catina!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: