Pubblicato da: cuccoangelo | 1 agosto 2013

Sant’Anna: ora ufficiale patrona del Borgo Vecchio

Una cerimonia che ha il sapore del riconoscimento ufficiale quella che si è tenuta il 28 Luglio al porto di Palermo durante la processione del simulacro di Sant’Anna con Maria Immacolata. Tutti gli abitanti del borgo vecchio infatti, come dicono i confratelli, riconoscevano già Sant’Anna come loro speciale protettrice: Ora però è effettivo, il dono della chiave d’argento da parte del sindaco Orlando e la nomina ufficiale la rende senza ombra di dubbio patrona del quartiere. La bella e trionfale festa che ogni anno si celebra in onore alla Santa (la Domenica successiva al 26 di Luglio) rende bene l’idea di come sia radicata e forte la devozione alla Madre di Maria e ciò da antichissima data (la confraternita infatti nacque nel 1555), la consegna della chiave dunque non è soltanto una formalità ma un vero atto di amore e affidamento.  
Auguri speciali ai devoti della Santa, alla confraternita e agli abitanti del borgo vecchio, possa la Madre Sant’Anna essere sempre tramite di numerose grazie e guidare tutti sulla via di Cristo! 

p.s. è doveroso in questo post ricordare uno dei figli illustri di questo quartiere che ben conosceva la festa e la devozione a Sant’Anna: Giuseppe Pitrè, siamo sicuri che anche lui dal cielo si unisce al tripudio della sua gente e al grido

TUTTI A CHIAMANU

CHIAMAMULA TUTTI

VIVAA BEDDRA MATRI SANT’ANNA VIVAAA!

Immagine

 

Annunci
Pubblicato da: cuccoangelo | 17 dicembre 2012

secunnu iornu

SECUNNU JORNU

A stu affettu i Maria
San Giuseppi ralligratu rispunniu
Signura mia
vui m’aviti cunsulatu
Vi ringraziu  mia signura
miu cunfortu e mia vintura.
Ma giacchi gnura mia
mi vuliti accumpagnari
ppi  tanta longa via
occhi modu aiu a circari
Ora datimi licenza
quantu abbuscu pruvvidenza
Si nni va Giuseppi allura
tuttu quantu affannateddu
ppi purtari a la signura
piglia u bonu sciccareddu
E ancora si dispunia
pi la sua pruvisioni
cussi torna da sua spusa
e ci dici: Aiu truvatu mia signura maistusa
st’asineddu furtunatu
comu gravida o miu beni
iri a pedi nun cummeni.
Ntra sti vertuli ci portu
pocu pisci e quattru pani
pi ristoru e pi cunfortu
ntra sti parti assai luntani
chiu accussì fari vurria
ma nun aju spusa mia
Maria ancora cunuscennu
a divina voluntà
si va puru dispunennu
pri lu partu chi farà
e si inchiu na cascitedda
di li so infasciaturedda
Avia fattu la Signura
cu li propri sua manu
una tila bianca e pura
dilicata in modu stranu
Di sta tila fattu avia
li farali a lu Missia
S. Giuseppi avia abbuscatu
dui di lana panniceddi
e Maria n’avia furmatu dui puliti cutriceddi
E pruvista di sti cosi
a partiri si disposi
Già è in procintu di partiri
la Regina di lu Celu
offirennusi a suffriri ntra u friddu rintra lu gelu
Fa stupiri in verità
chi nun chianci pri pietà

Pubblicato da: cuccoangelo | 16 dicembre 2012

A NUVENA DI NATALI : U VIAGGIU DULURUSU

U viaggiu dulurusu è il testo cantato durante la novena di Natale. la storia del componimento è abbastanza travagliata ma vale la pena di raccontarla:

l’orignale fu scritto da Antonio Diliberto, canonico Monrealese con lo Pseudonimo di Binirittu Annuleri intorno alla metà del ’700. molti ipotizzano che abbia tratto spunto da racconti o canti già presenti in terra sicula e che li abbia recuperati e resi “più aulici”. se sia vero o meno non è dato saperlo fatto sta che il testo dell’Annuleri (o Diliberto che dir si voglia) ebbe un successo clamoroso.  il testo si diffuse rapidamente e si crearono numerose varianti locali che oggi ognuno considera “parte esclusiva della propria tradizione”.
a differire sono parti di testo, la partitura musicale e la denominazione locale del canto.
il racconto si svolge in nove giorni, al primo si aggiunge una piccola introduzione che non ri ripete nei seguenti (detto pizzuddu o introduzioni o ntonu)

’Ntonu:

A Maria cui porta affettu
di Giuseppi cui fa cuntu
s’avi cori ‘ntra lu pettu
senta senta stu gran cuntu
du viaggiu dulurusu
di Maria cu lu so spusu

PRIMU JORNU o Jornu du ‘ntonu

San Giuseppi jornu stannu
‘ntra la chiazza i Nazaretti
pi so affari camminannu
senti un sonu di trummetti
senti leggiri un edittu
ca lu cori assai cci ha afflittu.
Chistu edittu cuntinia
c’ogni omu d’ogni etati
iri a scrivirisi duvia
a la propria citati
e in tributu pua paari
quarchi summa di dinari.
A sta nova nfausta ria
San Giuseppi cuntristatu
Jiu a casa e a Maria
ccussi dici adduluratu
Oi Chi nova dulurusa
ia vi puurtu amata spusa!
Oh! Che edittu pubblicaru
‘ntra la chiazza or ora ntisi
Gran camminu divu fari
e patiri alcuni spisi
e ia afflittu ppi ubbidiri
a Betlemme divu iri
divu iri a Betlemme
stu viaggiu divu fari
o sia sulu o ccu vui insiemi
sempri peni aju a pruvari
o sia sulu o accumpagnatu
sarò sempri adduluratu
si vi lassù: ahi! Pena ria
sentu spartirimi lu cori
Si vi portu in cumpagnia
Oh cchi pena e crepacori!
E cchi fari nnu sacciu ancora
l’unu e l’autru assai m’accora
A st’affettu dulurusu
di lu spusu sua dilettu
ccu paroli assai amurusi
cci rispunni tutt’affettu:
La divina voluntati
ccussì voli ca partemu
vegnu unni mi purtati
nun fa nenti si patemu
Jamuninni tutti dui
avrà Diu cura di nui
Si lu nostru mperaturi
nui cumanna di partiri
lu duvemu nui ubbidiri.
Cori granni, o spusu mia,
ccussi voli lu mia Dia

 

Pubblicato da: cuccoangelo | 8 dicembre 2012

VIVA A BEDDRA MATRI MMACULATA!

 

 

 

 

 

 

Rosa senza spini,Gigliu senza scrimi,Reina di la paci,Cunfortu i l’ammalati,Sarvizza i piccatura…Ascutani nostra Signura!
E DECIMILIA VOTI SIA LURATA MARIA SANTISSIMA MMACULATA!

SONY DSC

 

BUONA SOLENNITA’ !

Pubblicato da: cuccoangelo | 7 dicembre 2012

NOVE PARTI IN ONORE DI MARIA IMMACOLATA (9)

NOVE PARTI IN ONORE DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE
DA CANTARSI NEI GIORNI DELLA NOVENA

(testo manoscritto)

aaa

NONA PARTI (7 Dicembre)

Quattru ancili calari\ pi Maria ncelu purtari
l’ancileddu ci dicia\ vinni l’ura Matri Maria
tri iorna ancora rigina e matri\pua s’acchiana all’Etternu Patri
tri iorna ancora rigina e matri\pua s’acchiana all’Etternu Patri

aVirginedda lestu dicia \ chi bedda nova purtatati a mia!
ma una razia di Diu vulia\ tutti i l’Apostuli viriri arria

d’ogni banna, strata e strania\ su nvulati o capizzu i Maria
tutt’ e dudici attruvati\ pu salutu a bedda Matri
idda a tutti festa ci fa\ l’uocchi chiuri e dormi già
idda a tutti festa ci fa\ l’uocchi chiuri e dormi già

o chi gran festa ncelu si fa\ pi la rigina c’acchiana dda!
corpu e arma o cielu è nvulata\ viva a rigina mmaculta!

Santu Masu unn’era prisenti\ e nun criri lestamenti
aGran Virgini Maria\c’affacciau putenti e pia
e ci detti la currria\ quantu cridiri putia
e ci detti la curria\ quantu cridiri putia

Matri e Figghiu ncelu arrivati \ cu Diu Patri su assittati
quannu a rosa spampinavu\ Maria ncelu si n’acchianavu
quannu a rosa spampinavu\ Maria ncelu si n’acchianavu

e pi cunchiudiri sta orazioni diciimuci u Sarvi Rigina cu divuzioni

Diu vi sali o Maria, o matri acchianata
vi sia raccumannata st’arma mia
na razia ia vurria,a spiu a Vui Maria
gluriusa Matri pia un mi lassati

l’affanni cunsulati, livati i piccati
scanzatini Maria ad ogni ura
d’ogni sorti di mala vintura
e all’ura da morti

vinitini o scontru e rapitini i porti
e sunnu i porti du paradisu
cu chiù gioia e bon visu
Gesuzzu vidrò

Gesuzzu Giuseppi e Maria viniti a casa mia
siddi nuddi vi vo alluiari no ma cori putiti ristari!

u sarvi rigina è dittu, ‘ncelu sia scrittu o nomi di Maria u prisintamu.

Pubblicato da: cuccoangelo | 6 dicembre 2012

NOVE PARTI IN ONORE DI MARIA IMMACOLATA (8)

NOVE PARTI IN ONORE DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE
DA CANTARSI NEI GIORNI DELLA NOVENA

(testo manoscritto)

OTTAVA PARTI( 6 Dicembre)

A Gran Virgini Maria \ a so figghiu su chiancia
e ogn’ura a voti spissi\ u pinzava crucifissi
ma u cori sua sapia\ ca rinvisciri iddu duvia
ma u cori sua sapia \ ca rinvisciri iddu duvia

e cu prighieri e affettu piu\ iava aspittannu u Signuri Diu
e lu mantu a lu pettu strincia\aspittannu di strinciri a lu missia

a tri iorna di la morti\ senza rapiri finesci e porti
u Signuri Triunfanti\ va ne so menzu a li santi
e pi maiuri mmasceria\ va saluta a Matri Maria
e pi maiuri mmasceria \ va saluta a Matri Maria

cu avi cori u pò capiri |comi maria si eppi a sintiri
vidennusi vivu o Signuri\ c’ava chianciutu cu summu duluri

Quannu Gesu vitti spuntari\ su va strinciri e vasari
e taliannulu cu amuri\ci dicia si gran Signuri!
Figghiu mia assai amurusu\ o chi iornu priziusu
Figghiu mia assai amurusu\ o chi iornu priziusu

e veramenti è cosa mpurtanti\ torna di muorti triunfanti
e pi sarvari a vita mia\ u Signuruzzu rinviscia
e pi sarvari a vita mia \ u Signuruzzu rinviscia

e pi cunchiudiri sta orazioni diciimuci u Sarvi Rigina cu divuzioni

Diu vi sali o Maria, o matri i Gesuzzu
vi sia raccumannatu stu curuzzu
na razia ia vurria,a spiu a Vui Maria
gluriusa Matri pia un mi lassati

l’affanni cunsulati, livati i piccati
scanzatini Maria ad ogni ura
d’ogni sorti di mala vintura
e all’ura da morti

vinitini o scontru e rapitini i porti
e sunnu i porti du paradisu
cu chiù gioia e bon visu
Gesuzzu vidrò

Gesuzzu Giuseppi e Maria viniti a casa mia
siddi nuddi vi vo alluiari no ma cori putiti ristari!

u sarvi rigina è dittu, ‘ncelu sia scrittu o nomi di Maria u prisintamu.

Pubblicato da: cuccoangelo | 5 dicembre 2012

NOVE PARTI IN ONORE DI MARIA IMMACOLATA (7)

NOVE PARTI IN ONORE DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE
DA CANTARSI NEI GIORNI DELLA NOVENA

(testo manoscritto)

AA

SETTIMA PARTI (5 dicembre)

U venniri ssantu matinia\ ci scinniu n’ancilu a Maria

e ci dissi o Matri mia\o chi nova puortu ia!
o chi nova dulurusa \ chi parola lacrimusa
o chi nova dulurusa \ chi parola lacrimusa

u Signuri fu pigghiatu\ già l’annu fracculiatu
decimila vastuniati\ su i carnuzzi fraggillati

a dda ura ca matinata\parti e va l’addulurata
San Giuvanni a vidia\ unn’è ca iti Matri mia?
a ma figghiu vai a circari\ mi lu vuonnu ammazzari
a ma figghiu vai a circari\ mi lu vuonnu ammazzari

iava curriennu a la strania\iennu circannu Gesù u Missia
a casa i pilatu u ivi a truvari\ pi l’urtima vota lu vasavi

sutta a cruci du Signuri\ stava a Matri no duluri
e vidennulu suffriri\ quanti lacrimi scinniiri!
e assai movi a chietà\ chista matri misa dda
e assai movi a chietà\ chista matri misa dda

Addulurata cu a spata no pettu\ia vi portu assai rispettu
viniti tutti a chianciri cà\ cu a rigina di la chietà
viniti tutti a chianciri cà\ cu a rigina di la chietà

e pi cunchiudiri sta orazioni diciimuci u Sarvi Rigina cu divuzioni

Diu vi salvi oh Regina, oh Matri Addulurata

Vi sia raccumannata stà arma mia,

Na razia vurria ppi chistu cor ingratu,

feritu e tracassatu di la ma spata:

La vita mia passata. Accussì tantu non

piccari ppi grazia

Vui priati a vostru figliu, a nui dati cunsigliu

Lu stissu contributu chiancinni e lacrimannu

Lu ma erruri.

Stù cor chi duluri, spizzatimillu vui, piccari nun vuogliu chiù

Chiuttostu mortu.

A nui dati cunfortu finu all’ultima agonia

Vi priu Matri Mia, nun mi lassati!

Avui sta arma purtati, Bedda Matri Amurusa

In cielu gluriusa eternamenti

E poi devotamenti gridannu sempri

Viva viva l’Addulurata!

L’addulurata sia sempri ogni ura Regina! Maria di setti dulura

Na la manu la Santa curuna, a lu piettu la Santa spata

Oh Maria l’Addulurata!

Oh Matri Addulurata priati Gesù pi nuatri.

A Sarvi Rigina è ditta

‘nciil sarà scritta

A lu nomi di Maria la prisintamu

Pubblicato da: cuccoangelo | 4 dicembre 2012

NOVE PARTI IN ONORE DI MARIA IMMACOLATA (6)

NOVE PARTI IN ONORE DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE
DA CANTARSI NEI GIORNI DELLA NOVENA

(testo manoscritto)

a

SESTA PARTI (4 Dicembre)

A Gran Virgini Maria \ a so figghiu u criscia
santu e bonu u picciriddu\ criscia forti e bieddu
San Giuseppi travagghiaturi\ ci iucava a tutti l’uri
San Giuseppi travagghiaturi\ ci iucava a tutti l’uri

c’ava fattu un cavadduzzu\ tuttu di lignu nicuzzu nicuzzu
c’avia fattu i strummuliddi\ i palummeddi e i tuppiddi

a Bedda Matri si lu taliava\ sempri a Diu u ringraziava
pi un figghiu assai Divinu\ ringraziava pi Gesù Bambinu
ogni vota ca u curcava\ milli voti lu vasava
ogni vota ca u curcava\ milli voti lu vasava

i rubiceddi ci li stinnia\ menzu li gigghi e li rosi Maria
e u panuzzu ci u facia\ cu megghiu ranu di la campia

Quannu Gesu era a putia\ ci pinsava sempri Maria
e cu ducissima primura\ ci purtava ristoru all’ura
e com’era duci daveru\ fattu da Signura di lu celu
e com’era duci daveru\ fattu da Signura di lu cielu

e alligramenti Giuseppi e Maria\vittiru crisciri u figghiu di Dia
E ognunu chi li scuntrava\ u curuzzu ci canciava
e ognunu chi li scuntrava\ u curuzzu ci canciava

e pi cunchiudiri sta orazioni diciimuci u Sarvi Rigina cu divuzioni

Diu vi sali o Maria, o matri i Gesuzzu
vi sia raccumannatu stu curuzzu
na razia ia vurria,a spiu a Vui Maria
gluriusa Matri pia un mi lassati

l’affanni cunsulati, livati i piccati
scanzatini Maria ad ogni ura
d’ogni sorti di mala vintura
e all’ura da morti

vinitini o scontru e rapitini i porti
e sunnu i porti du paradisu
cu chiù gioia e bon visu
Gesuzzu vidrò

Gesuzzu Giuseppi e Maria viniti a casa mia
siddi nuddi vi vo alluiari no ma cori putiti ristari!

u sarvi rigina è dittu, ‘ncelu sia scrittu o nomi di Maria u prisintamu.

Pubblicato da: cuccoangelo | 3 dicembre 2012

PARTI IN ONORE DI MARIA IMMACOLATA (5)

NOVE PARTI IN ONORE DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE
DA CANTARSI NEI GIORNI DELLA NOVENA

(testo manoscritto)

aaaa

QUINTA PARTI (3 Dicembre)

ma stu ranni patiri \ propria un metti a spiddiri
e un ancilu biatu\ di lu cielu avi calatu
pi diri o vicchiareddu\ di sarvari u bambineddu
pi diri o vicchiareddu \ di sarvari u bambineddu

cu sciccareddu e cu pietà\ fuiunu lestu di la cità
e sinni vannu versu l’Egittu\comu nun puonnu truvari risittu

tri surdati ci scuntraru\ a Maria ci spiaru
chi putava ntra lu pettu\ chi strinciti tuttu affettu?
Maria Virigni c’arrispunnia\puortu gigghi e rosi pia
Maria Virgini c’arrispunnia \portu gigghi e rosi pia

Sparma u mantu a Matri Maria\ u picciriddu rosi si facia
e vidennu sulu sciura\ un la firmaru a ran Signura

Pi a strata a Maria\ u pititteddu ci vinia
e na parma, pa virgineddda \ cala a frunti cui rattuledda
na girasa tutta amuri\ i giraseddi ci duna puri!
na girasa tutta amuri\ i giraseddi ci duna puri!

o chi bedda cumpagnia\ viaggia Gesù Giseppi e Maria
decimila sirafini ci calaru \ e pi sta strata l’accumpagnaru
decimila sirafini ci calaru\ e pi sta strata l’accumpagnaru

e pi cunchiudiri sta orazioni diciimuci u Sarvi Rigina cu divuzioni

Diu vi sali o Maria, o matri i Gesuzzu
vi sia raccumannatu stu curuzzu
na razia ia vurria,a spiu a Vui Maria
gluriusa Matri pia un mi lassati

l’affanni cunsulati, livati i piccati
scanzatini Maria ad ogni ura
d’ogni sorti di mala vintura
e all’ura da morti

vinitini o scontru e rapitini i porti
e sunnu i porti du paradisu
cu chiù gioia e bon visu
Gesuzzu vidrò

Gesuzzu Giuseppi e Maria viniti a casa mia
siddi nuddi vi vo alluiari no ma cori putiti ristari!

u sarvi rigina è dittu, ‘ncelu sia scrittu o nomi di Maria u prisintamu.

Pubblicato da: cuccoangelo | 2 dicembre 2012

PARTI IN ONORE DI MARIA IMMACOLATA (4)

NOVE PARTI IN ONORE DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE
DA CANTARSI NEI GIORNI DELLA NOVENA

(testo manoscritto)

aaaa

QUARTA PARTI(2 Dicembre)

duoppu tantu caminari\ pi a Bettlemmi iri a cuddari
San Giuseppi cu Maria\sunnu menzu a na via
e s’ha fattu ormai l’ura \ di pruvvidiri pa Ran Signura
e s’ha fattu ormai l’ura\ di pruvvidiri pa Ran Signura

San Giuseppi na na rutta\ binchì lorda e aperta tutta
ietta lucio e adduma focu\ pi purificari ddu locu

A quattr’uri di la notti \ duoppu fattu quantu potti
San Giuseppi ci dicia\ pigghiu abbientu spusa Maria
e nomentri ca durmia\ Gesuzzu nicu nterra vinia
e nomentri ca durmia\Gesuzzu nicu nterra vinia

decimila sirafini ni dda rutta ci calaru
vintimila pilligrini pua si ci firmaru

Gesuzzu metti a ngusciari\ San Giuseppi fa sduvigghiari
e ddu santu vicchiareddu\viri natu u figghiu beddu
chi paroli ci dicia\ a Gesuzzu e a Maria!
chi paroli ci dicia\ a Gesuzzu e a Maria

bedda a matri e beddu u figghiu \ d’u ma cori a rosa e u gigghiu
viniti tutti a adurari \chistu misteru l’aviti a taliari
viniti tutti a adurari \ chistu misteru l’aviti a taliari

e pi cunchiudiri sta orazioni diciimuci u Sarvi Rigina cu divuzioni

Diu vi sali o Maria, o matri i Gesuzzu
vi sia raccumannatu stu curuzzu
na razia ia vurria,a spiu a Vui Maria
gluriusa Matri pia un mi lassati

l’affanni cunsulati, livati i piccati
scanzatini Maria ad ogni ura
d’ogni sorti di mala vintura
e all’ura da morti

vinitini o scontru e rapitini i porti
e sunnu i porti du paradisu
cu chiù gioia e bon visu
Gesuzzu vidrò

Gesuzzu Giuseppi e Maria viniti a casa mia
siddi nuddi vi vo alluiari no ma cori putiti ristari!

u sarvi rigina è dittu, ‘ncelu sia scrittu o nomi di Maria u prisintamu.

Older Posts »

Categorie